Tempo di lettura: 2 minuti

Comunicazione

“Comunicazione” è l’attività trans-storica che caratterizza gli umani.
Ogni comunicazione si attualizza come la funzione economica dello scambio: la comunicazione presuppone lo scambio.

Comunichiamo con noi stessi pensando e con gli altri parlando, ma in nessuno dei due casi possiamo mai comunicare tutto ciò che avremmo da dire, quindi la comunicazione è un’attività che presuppone il non dicibile.

Mentre comunichiamo, cooperiamo alla costruzione della “realtà” in cui viviamo.
La “realtà” (distinta dal “reale” degli eventi) è la rappresentazione astratta che condividiamo per muoverci nel mondo.
Grazie a essa possiamo stabilire nessi di causalità fra prassi e progetti e strutturare quello che definiamo intuitivamente “umano”.

La comunicazione è quel continuo atto attraverso cui il mondo transita attraverso di noi, atto che ci permette di conoscere il mondo e di agirvi consapevolmente.

Politica

“Politica” è la pratica attraverso cui gli umani agiscono nella realtà. Un’azione non rivolta a cambiare la rappresentazione del mondo non è politica. La comunicazione politica è l’azione attraverso cui qualcuno crea la politica per qualcuno allo scopo di modificare insieme la rappresentazione del mondo.

La comunicazione presuppone che a produrla vi sia un’identità, ogni identità è politica se manifesta una differenza irriducibile e un bisogno condiviso. Esse si conciliano nella promessa futura, per questo nella comunicazione politica rappresentazione e azione coincidono come progetti e prassi.

Questa coincidenza dipende dal fatto che la ricerca del consenso muove la politica e la sua comunicazione e il modo in cui viene perseguita questa legittima esigenza ne determina l’identità nella sfera pubblica.

Per perseguire il consenso, la politica si dota di un’identità attraverso la propria comunicazione, dando luogo alla competizione fra identità politiche per definizione differenti fra loro. La politica delimita da sé lo spazio in cui opera, in quanto azione che modifica la realtà attraverso la legge.

In tale spazio, la realtà e il reale convergono e la comunicazione in atto si incontra col non dicibile in corrispondenza alle due funzioni della politica: promettere e creare la realtà.

2016

Lascia un commento

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto